Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘la cerva’

Il fine settimana è passato e mi ha distratto, ma ora che venerdì e la presentazione si avvicinano il mio stomaco comincia a contorcersi per la paura. Ho già avvisato stamattina i miei figli che probabilmente in questa settimana non diventeranno improvvisamente disubbidienti e intrattabili, ma che “probabilmente” sarò più suscettibile se non isterica. Ebbene lo ammetto, sono una fifona!
A testimonianza due piccoli e vecchi pensieri che mi hanno consolato in lontani momenti per paure che ora che sono mamma mi fanno sorridere. Ma non si smette mai di imparare e nuovi fronti di inquietudine, e nuove cerve, si stagliano all’orizzonte.
Mi sa che anche voi dovrete avere un po’ pazienza..

“Le prime tre righe le dedico alla paura. Come sempre. Gli antichi evocavano le muse, beati loro. Io invece ho bisogno di tranquillizzarmi e di sapere che quello che uscirà da me non si porterà con sè la linfa vitale, nè mi procurerà l’odio altrui. In fondo sono soltanto parole.”

“E’ sempre la paura che ti blocca. E’ questa cerva nera che si aggira tra gli alberi e ti guarda ghignando appena ti muovi.
Se il cuore ti basta per passarle oltre sai che non ti toccherà, è solo una cerva.
E’ spaventosa: gli occhi iniettati di sangue, le narici larghe che soffiano fumo, come se l’inferno bruciasse dentro di lei, gli zoccoli duri come l’acciaio, invincibili.
Ma è soltanto una cerva, ed è innocua.
L’unico potere che ha è di bloccarti, ma non ce l’ha lei.
E’ così faticoso passarle davanti, col cuore che batte, il respiro che si ferma e i muscoli contratti danno fitte ovunque.
E il senso di colpa e il desiderio di fuga ti assalgono.
E se passi oltre, sai che più avanti la rincontrerai.
E ogni volta è da vincere.

Annunci

Read Full Post »